Dalla Cassa Rurale 30 mila euro ai Comuni

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on whatsapp
WhatsApp

Continua in modo ancora più energico il contributo che la Cassa Rurale ed Artigiana dell’Agro Pontino, sta fornendo nella battaglia contro il Coronavirus. L’azione della banca pontina, stavolta, sostiene direttamente i comuni nelle cui aree risiedono le proprie filiali. A beneficiare del contributo saranno i comuni di Latina, Pontinia, Sabaudia, San Felice Circeo, Sermoneta, Sezze, Sonnino, Terracina, Itri e Castelforte. Ai dieci comuni, sono stati donati 30.000 € (3.000 € per ciascun Comune) per l’acquisto delle mascherine da distribuire gratuitamente ai propri cittadini. Oggi, a ricevere simbolicamente il contributo, nella presidenza della Cassa Rurale, il Sindaco di Pontinia, Carlo Medici.

«Il Consiglio d’Amministrazione della nostra Banca – dice il Presidente Maurizio Manfrin – ha voluto far sentire in maniera ancora più marcata la nostra presenza, aiutando le autorità cittadine nel sostenere le spese per l’acquisto delle mascherine, oggi elemento particolarmente importante. E’ il nostro dono di Pasqua per continuare a coltivare la speranza della fine di quest’incubo nel quale tutto il mondo è piombato. L’augurio è che i cittadini non si sentano soli, perché questa è una battaglia che dobbiamo vincere tutti insieme. E il nostro Istituto non si tirerà indietro, contribuendo, per come può, nel sostegno delle iniziative della nostra comunità».

Per il Direttore Generale, Gilberto Cesandri: «Il robusto impegno profuso dalla Banca sotto il profilo della solidarietà, non rimarrà isolato. Dalla prossima settimana entreremo nel merito delle misure adottate dal Governo per dare ossigeno e liquidità a imprese e famiglie, in modo da poter ripartire per lasciarci definitivamente alle spalle questo periodo. Per quanto ci riguarda, stiamo già adottando tutti i provvedimenti che consentano alla nostra area di far fronte all’emergenze economica con la gestione della moratoria di mutui e finanziamenti. Adesso però bisogna far ripartire l’economia. Noi siamo pronti».  

Il Sindaco di Pontinia, Carlo Medici saluta con favore questa nuova iniziativa: «A nome di tutte le amministrazioni beneficiarie e delle rispettive comunità, ringrazio la Cassa Rurale che si dimostra ancora una volta vicina al territorio. Siamo consapevoli della difficoltà di questo momento sia sotto il profilo sanitario ma anche economico, però siamo anche convinti che con l’impegno di tutti, a cominciare dai singoli cittadini e dalla collaborazione come in questo caso fra istituzioni pubbliche e private, si possa superare questa fase in maniera definitiva».

Il provvedimento adottato poche ore da fa dal Consiglio d’Amministrazione della Cassa Rurale ed Artigiana dell’Agro Pontino è un contributo ultroneo a questa battaglia. Infatti, il CdA nella seduta del mese di marzo ha stanziato nell’ultima seduta 200.000 euro in beneficenza distribuiti in questo modo: 140.000 euro in favore dell’Ospedale Santa Maria Goretti di Latina (presidio Covid-19), 40.000 euro a beneficio dell’Ospedale Dono Svizzero di Formia (presidio Covid-19) e 20.000 euro destinati alla campagna unitaria organizzata da Federcasse a favore degli ospedali italiani più bisognosi.A parte questo intervento, la Cassa Rurale ed Artigiana dell’Agro Pontino ha stanziato un plafond reiterabile pari a 6 milioni di euro.  La cifra è destinata ad avviare una serie di finanziamenti agevolati in favore dei clienti che hanno visto ridursi in maniera drastica il loro fatturato, in conseguenza delle misure straordinarie per il contenimento della pandemia. Il plafond ha lo scopo di fornire liquidità a condizioni particolarmente vantaggiose per aiutare il tessuto economico locale a ripartire il prima possibile e adesso potrà incrociarsi con le misure adottate questa settimana dal Governo Conte.

L’istituto pontino, infine, ha avviato una raccolta fondi attraverso l’apertura di un conto corrente intestato “Donazione per emergenza Covid-19”, sul quale la Banca ha già fatto un versamento iniziale di 20.000 euro. Le somme raccolte grazie anche alla solidarietà di soci, clienti e cittadini saranno destinate (tramite Federcasse) a strutture, associazioni ed enti in prima linea per l’emergenza.

L’IBAN sul quale far pervenire le donazioni è il seguente:

IT13T0873874060000000044591,  indicando la causale: “Donazione per emergenza Covid-19”.

Altri Articoli